ARRAMPICARE CUNT’ UL PAIL…A LUGLIO!

IMG_1506La Valle del Seveso al tempo del Covid: passato, presente, futuro? Chi può dirlo? Quello che conta è cercare di uscire dall’apatìa nella quale tutto il mondo si crogiola. Quasi tutti (?) doppiamente “vaginati” eccoci pronti per un’uscita finalmente di gruppo, proposta che nasce qualche mese fa e prende piede sulle gradinate della sezione di Bovisio dove ci ritroviamo insieme in un paio di occasioni per cercare di ridare fiato alle trombe della Scuola.

Si decide per un aggiornamento alla Conca dello Zuccone Campelli che offre buone opportunità per tutti i gusti ma, soprattutto, una ghiacciaia conosciuta ed in grado di mantenere ben stagionati i “salami” appesi anche in questo periodo.

Manco a dirlo già al ritrovo nel piazzale della Funivia di Barzio siamo con pile e contro-pile per ripararci dal vento freddo: siamo al 17 di luglio.

Partiamo carichi di tutto il materiale ma il freddo non ci fa nemmeno sudare; non ci teniamo a rimanere uniti e quindi ognuno si sceglie la via che vuole e la raggiunge. In sostanza ci divideremo su Diedro Bramani, Via Casari-Zecca e Cresta Ongania. Gh’è in giirrr un’aria de fésura bestiale, praticamente sulla cresta staremo con il pile per tutta la salita.

IMG_1485

IMG_1512 Durante i tiri non mancano le solite kazzate, poi salire i tiri di corda con i fratelli Brambilla è un po’ come saltare le fila di poltroncine a teatro (una ad una) fino a finire in pole position per sentire le kazzate che volano. “In noef chì cort lì?”….”No, in dü”.

Qualche minuto prima però abbiamo anche temuto, con gli occhi che si sono rilassati dopo un momento di terrore puro. Mario sente girare la testa mentre è seduto….in realtà non era la tua crapa a girare, bensì il masso sul quale erano adagiate le sue chiappe, per allacciarsi le scarpette. Il nominato sasso, grande come una lavatrice del passato, si è mosso e peccato che era posizionato sull’orlo di un mezzo baratro! Lasciamo subito l’episodio dietro di noi ed avanziamo lungo la cresta alla ricerca del sole che ci dà tepore.

Siamo in undici oggi, proprio come a Coverciano, ma in palio non ci sono gli Europei e non vediamo neanche un inglese in giro. E’ anche un momento di ripasso manovre perché le cose vanno fatte bene sempre……oggi ancor di più, visto che si arrampica con un nuovo papà in arrivo!!!

IMG_1500

1f613ce7-d6be-4d0c-a530-020ee00d7298

4a5d09aa-79eb-4f54-bddb-7623da2084f2

33a044e3-6521-47f6-9424-ae75bdbe54ce

2a0ae2a6-e671-468d-a95a-2589c765cafb

0a5592be-daeb-4a14-ad81-5da61e3179a8

IMG_1510E’ bello abbracciarsi in questa uscita virtuale tutti insieme, anche se con parecchi assenti. Sarà per la prossima con gli altri. In cima rifocilliamo noi stessi e togliamo quasi tutto: ormai il freddo ha lasciato spazio alla caldazza. Gli altri sono già scesi dalle loro vie e quindi meniamo anche noi i tolloni scendendo d’impeto il Canale della Madonna, giù per ghiaioni per andare anche noi alla Lecco dove si preannuncia una scofanata micidiale: polenta, stinchi di ogni genere di dinosauro, cosce di toro, spalla di bue muschiato svizzero, formaggi e dolci; vinello e birra. Forse era più giusto dire: aggiornamento al tavolo.

Il pomeriggio volge al termine ed ognuno rientra nel suo nido.

Partecipanti: Pollo, Tiziano, Paolinux, Alessandra, Cristian, Mago, Mario, AleNicchio, AntonioM, LucaT e Patajean.

Sperando in un nuovo inizio.

by Patajean

   Invia l'articolo in formato PDF   

Comments are closed.


  • Twitter
  • Facebook
  • Picasa
  • Flickr
  • YouTube