Archive for giugno, 2011

L’IMMAGINAZIONE – DOMENICA 19 GIUGNO TRE CIVETTE SUL GRIGNONE.

martedì, giugno 21st, 2011

Sedersi al fresco e contemplare l’immenso, girarsi su un fianco ed immaginare l’ignoto, prendere fiato e scoprire il nulla…..poi prendere a sberle il cervello a corto di idee e vedere che lo stesso si difende sputando immagini sbiadite che, ad una lettura più attenta, tutto sembrano tranne che negare l’evidenza di tre pulzelle in quel del Grignone orientate…..e non solo: lì proprio andate!!!
In effetti immaginare è un bell’esercizio, ma qui tutto prende una piega scontata, seppure uno lo pensi a distanza. Domenica fin troppo bella, quasi banale dire senza una nube, perché magari qualche nube era in giro, ma il “terso” qui fa a botte con la definizione presente sul dizionario.

1747Sono circa le 8.30 quando nella mia testa inizia questa “avventura” in cui Alda, Giovanna e Giakoma prendono il volo per Balisio, alla volta del Grignone. Arrivano un po’ tardi (forse sarà stata la pulizia del water!), ma sicuramente i problemi non li hanno e la gamba è lesta: meno male che stanno dritte, perché i rifugisti potrebbero caricarle ed utilizzarle come muli!
Sicuramente quando qualcuno verrà a saperlo, si catapulterà subito là per battere record e capire come si fa. L’emulazione fa danni e si vede.
Dopo le prime sarcastiche parole da parte di ignari sconosciuti, con affermazioni legate alla “categoria femminile”, alle tempistiche ed alla meta, probabilmente poco convinti delle capacità all’apparenza, le tre giovani si avviano sotto gli sguardi stupiti verso la meta.
Assunta ha con sé praticamente tutto quello che serve per una spedizione himalayana: infradito, pareo & occhiali da sole! Manca forse un “lucano” e poi è quasi meglio che fare il “5+1”.
La leggerezza fa un baffo anche alla carta-igienika. (altro…)

UN MONDO DI ROCCIA…..SE SIETE CAPACI DI VEDERLO! GRIGNETTA – USCITA CORSO ALP 2011.

giovedì, giugno 16th, 2011

Nel dubbio fino all’ultimo per via del tempo e della meteo che, seppur puntuale, ci lascia sempre con il fiato sospeso, riusciamo alla fine a piazzare l’arrampicata nel mondo roccioso delle Grigne.
Il momento ormai è tipico della stagione dei Monsoni, manca solo di scendere qualche torrente della zona immaginando che sia il Gange ed il gioco è fatto.
Avevamo il dubbio che dal cielo si kagasse giù l’inferno, anche perché ormai la razione di acqua quotidiana è fissa ed è come prendere la macchina la mattina per andare a lavorare; poi tutto si è stabilizzato e, col pulsante su “stand by”, siamo riusciti a giocarci la partita a modo nostro, tanto più che le nuvole basse e la nebbia hanno monopolizzato le ore diurne, ma per fortuna le gocce hanno abdicato ed hanno lasciato il posto a quelle che sgorgano dagli occhi tristi degli allievi per non poter continuare il giro sulle guglie calcaree. (altro…)


  • Twitter
  • Facebook
  • Picasa
  • Flickr
  • YouTube