1978 - 2003 - 25° Anniversario - Il futuro degli ultimi vent'anni

Il futuro degli ultimi vent'anni


Beppe Brivio

Quando ho conseguito il diploma credevo di aver chiuso con il mondo della scuola e invece ne ho iniziata un'altra, magari più faticosa, ma ugualmente in grado di regalarti forti emozioni.
E' quanto mi viene in mente immaginando i miei venti anni nella Valle del Seveso, trascorsi a trasmettere un'unica passione che fortunatamente "arde" ancora senza che la si veda e... perchè no, a compiere salite importanti con gli amici "di sempre". Foto E' una vita parallela a quella di tutti i giorni, ma altrettanto gratificante: tra serate in sede, lezioni teoriche, aggiornamenti sulle diverse manovre e week-end di salite, venti anni diventano come il lunedì mattina: subito a pensare a cosa farai nei prossimi venti!
La noia in un simile ambiente non ha tempo di inserirsi perchè ci sono gli impegni comuni della sede di appartenenza, le commissioni, la frequentazione dei corsi e un decennio impegnato nella loro direzione: queste esperienze mi hanno fatto vivere a 360 gradi la montagna e il suo mondo, conoscendone gli aspetti senz'altro più esaltanti.
E se qualcuno tanti anni fa non mi avesse spronato e messo a conoscenza di tutto ciò, credo proprio che mi sarei perso una grande occasione. E siccome con il senno di poi è più facile... beh, lo dico a gran voce.
Foto
Dopo la partecipazione ai corsi della Valle e ancor più a quello di I.A. e di I.N.A. ho scoperto quanto potevo dare, ma soprattutto ricevere da chi si inseriva per la prima volta. Chi può dimenticare le serate in rifugio, le partenze all'alba - sì proprio quelle che nessuno ti obbliga a fare! - con la preoccupazione a tracolla nello zaino, le persone che in tanti anni si sono legate alla mia corda, le pacche sulle spalle e soprattutto il movimento degli occhi all'uscita delle vie. O ancora l'amicizia dei ragazzi che, con la grande chance di partecipare ai corsi in qualità di "giovani istruttori", crescono fino a "rubarti il posto".
E' un mondo che rifiorisce nella tua testa ogni sabato e domenica, ma lo spazio reale utilizzato è ben maggiore.
Voglio approfittare di questa occasione del venticinquesimo anniversario della Scuola per ringraziare tutto l'organico istruttori (più di cento persone passate durante tutto questo periodo!) della Valle che, con la sua organizzazione, ha permesso a molti di vivere giornate indimenticabili e a tanti ha trasmesso questa gran passione. Lo vedi quando li incontri, perchè te lo ricordano e proprio per questo sembrano esserti ancora più grati. Il mio monito ora non può essere che di continuare su un binario direi già ben collaudato: il futuro saremo sicuramente qui a raccontarlo fra altri venticinque anni in modi ed episodi diversi, ma senza dubbio con lo stesso identico entusiasmo.
Vorrei solo ricordare in poche righe alcuni attimi irripetibili, affinchè la mia storia possa diventare lo stimolo per tutti quelli che sono a un passo dal voler cominciare.
E come disse a me e ad altri ragazzi la rifugista del Rifugio Gonella alle 2,00 del 5 agosto di tanti anni fa: "Ragazzi... ora tocca a voi!".

Dal Blog

LA CARICA DEI 101 ALL’ALPE DEL VICERE’.

LA CARICA DEI 101 ALL’ALPE DEL VICERE’. E’ pensabile che dei genitori poco sani trasmettano ai propri figli le stesse malsane abitudini? Di solito le malattie si trasmettono per contagio,...

Facebook Scuola

Chi è on-line

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online